rotate-mobile
Mercoledì, 6 Luglio 2022
Cronaca

Ancora guai in vista per Genovese: si indaga anche all'estero su conti e società fantasma

Acquisita la documentazione su depositi bancari e partecipazioni azionarie. Nel frattempo l'imprenditore rimane in carcere

Non finiscono i guai per Alberto Genovese, l'imprenditore 43enne ex numero uno di Facile.it, arrestato lo scorso 6 novembre con l'accusa di aver stuprato una ragazza di 18 anni dopo averla stordita con un mix di droghe durante una festa a Terrazza sentimento, il suo esclusivo attico vista Duomo. Ora nel mirino della procura di Milano ci sono i suoi conti correnti e le sue società finaziarie.

In totale sarebbero circa una trentina i conti e le finanziarie intestati a Genovese, su cui lui avrebbe effettuato operazioni 'sospette' e per le quali la guardia di finanza sta effettuando accertamenti nell'ambito dell'indagine sul suo patrimonio. È caccia anche ad eventuali società fantasma all'estero e in particolare in Lussemburgo e Svizzera. Nel frattempo l'imprenditore, indagato anche per intestazione fittizia di beni, rimane in carcere con l'accusa di violenza sessuale.

Per ricostruire i flussi di denaro del fondatore di Facile.it, che conduceva un altissimo tenore di vita, sono state inoltrate richieste di acquisizione della documentazione da banche e società. A firmare la delega il pm Paolo Filippini, titolare della tranche dell’inchiesta, delegata al Nucleo di Polizia economico finanziaria della Guardia di finanza di Milano.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ancora guai in vista per Genovese: si indaga anche all'estero su conti e società fantasma

MilanoToday è in caricamento