menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Asl, è allarme rabbia: "Non portate animali dall'estero"

Il servizio veterinario lancia l'allarme: troppe persone non iscrivono all'anagrafe regionale i loro cuccioli

L'allarme è del servizio veterinario dell'Asl: la rabbia è in aumento e il rischio viene soprattutto dall'estero. Di qui l'appello a non portare cani e gatti a Milano trovati nei luoghi di vacanza. La stessa Asl, come riporta il Corriere, non ha coscienza esatta del numero di cani presenti in città, perché molti proprietari "dimenticano" di iscrivere l'animale all'anagrafe regionale, anche se l'iscrizione sarebbe obbligatoria.

L'Italia è stata riconosciuta indenne dalla rabbia dal 1997 al 2008, quando la malattia è comparsa in Friuli. All'estero la rabbia è presente, soprattutto nell'est Europa, da dove proviene un imponente traffico di cuccioli. Anche per chi, mosso da compassione, raccoglie un animale all'estero per portarselo a casa, occorrerebbe rispettare un rigido "protocollo".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Zona arancione: le faq aggiornate a marzo 2021 per capire cosa si può fare

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento