Cronaca Barona / Via San Vigilio

Da Napoli a Milano per rubare Rolex: tentano di investire poliziotto, presi dopo 50 km di fuga

Tre agenti della Squadra Mobile di Milano, con le pistole in mano, li hanno bloccati in auto

L'arresto

Il blitz finale è avvenuto in una stazione di servizio a Rivolta D'Adda, in provincia di Cremona. Tre agenti della Squadra Mobile di Milano, con le pistole in mano, li hanno bloccati in auto, mentre facevano il pieno. Erano convinti di aver seminato i poliziotti che per cinquanta chilometri, dalla Barriera autostradale di Melegnano, li avevano inseguiti. In manette sono finiti due rapinatori che da Napoli si spostavano a Milano per rubare orologi di lusso: Raffaele Z. e Paolo D., trentacinque e ventitré anni.

VIDEO: Ecco il blitz e l'arresto con le pistole in pugno

rapina benzinaio-3

L'indagine che ha portato all'arresto della coppia di rapinatori inizia dopo il

maxi colpo inferto alla banda di 'trasfertisti' a novembre, quando erano stati bloccati sette banditi specializzati nei Rolex. La banda usava come punto d'appoggio un'officina in piazza Angiliberto. Questa volta gli investigatori sapevano dell'imminente arrivo in città di alcuni malviventi con un'Opel Mokka noleggiata. Giovedì sera, alle porte di Milano, con vari accorgimenti viene individuata l'auto 'contrassegnata' con un gps.

Venerdì mattina, la batteria è pronta a colpire. A bordo di alcuni scooter - che avevano parcheggiato in una strada in zona Corvetto - girano per la città e fanno due colpi. Dopo il secondo, nel quale la vittima ha cercato di reagire inutilmente, i napoletani si trovano davanti una volante della polizia. Scappano con gli scooter. Poi - ricostruisce la questura - uno di loro recupera l'auto e va a prendere il complice alla fermata della metro di Abbiategrasso.

A tutta velocità vanno verso l'uscita di Milano, dove gli attende un posto di blocco preparato dagli uomini della mobile davanti alla Barriera di Melegnano. Appena capiscono di essere in trappola, accelerano e cercano di investire un poliziotto e passano il casello. Comincia l'inseguimento che per cinquanta chilometri, tra autostrada, tangenziale e provinciale, porta in provincia di Cremona dove vengono arrestati per rapina aggravata, tentato omicidio e resistenza.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Da Napoli a Milano per rubare Rolex: tentano di investire poliziotto, presi dopo 50 km di fuga

MilanoToday è in caricamento