Arrestato il re delle truffe in banca: incastrato da una pizza, si nasconde sotto un divano

Lui, Gianluca Maio, è un trentaquattrenne originario di Villaricca in provincia di Napoli

Il latitante

Il re delle truffe contro le banche - così lo hanno definito i militari che gli hanno dato la caccia - è stato arrestato dagli uomini della Quarta sezione del Nucleo investigativo dei carabinieri di Milano, la Catturandi. Non c'è un calcolo preciso di quanto sia riuscito a guadagnare con le sue truffe ma la cifra, spiegano, potrebbe arrivare facilmente a sei zeri. Per le sue truffe ha una già accumulato condanne definitive per sedici anni, un mese e ventuno giorni. I carabinieri lo hanno arrestato nei giorni scorsi, era a casa della madre e si nascondeva all'interno del cassettone del divano.

Lui, Gianluca Maio, è un trentaquattrenne originario di Villaricca in provincia di Napoli ma residente, fino al giorno della prima condanna, a Parete, nel casertano. L'uomo - stando a quanto spiegato dai militari - era specializzato nella riproduzione di assegni e carte d'identità. Falsificava i blocchetti intestandoli a clienti reali degli istituti bancari, grazie ad agganci con dipendenti conniventi.

Documenti in mano, si presentava in filiale a scambiare gli assegni. Le autorità hanno accertato che le sue truffe erano cominciate nel 2010. Ha colpito indistintamente in quasi tutto il Nord Italia: Torino, Bergamo, Genova, Milano ma soprattutto Verona e Brescia.

Ad aprile 2016 arrivano le prime condanne definite e Gianluca Maio lascia l'Italia alla volta della Colombia. Si rifugia a Cartagena, località turistica sui caraibi, dove per diversi mesi fa - stando al suo racconto - l'intermediario immobiliare, occupandosi di appartamenti di lusso per i villeggianti. A dicembre, anche a causa del mancato rinnovo del permesso di soggiorno colombiano, torna in Europa, via Barcellona. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I militari lo rintracciano a casa della madre, anche grazie alla sua grande passione: la pizza con le scarole. Durante le intercettazioni, infatti, la mamma chiedeva sempre ai vari parenti di portare la pizza per "Luca". Quando arriva il giorno del blitz, i carabinieri lo trovano solo dopo due ore nascosto dentro il cassettone del divano. Una volta scoperto, il latitante ha salutato gentilmente i militari e si è consegnato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La provocazione di Cracco in Galleria (Milano): ai suoi clienti solo mezza pizza

  • L'anziana che ha "truffato" i truffatori: così una 87enne ha fatto arrestare la "nipote" a Milano

  • Trovato morto a 47 anni Alessandro Catone, il "Porco schifo" di YouTube

  • Il maltempo fa paura: "Forti temporali in arrivo, fino a 150mm di acqua in 6 ore" (Poi la grandine)

  • Milano, ecco lo store di Off-White in pieno centro: è il brand per cui tutti si mettono in fila

  • 'Milanese' bloccato in Argentina per il coronavirus muore assassinato: addio a Lucas

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MilanoToday è in caricamento