I sindaci non 'concedono' la strada: la Milano Sanremo cambia, quasi sparita la Liguria

Ben 13 sindaci del savonese non hanno concesso il passaggio alla corsa. Il nuovo percorso

Vincenzo Nibali vincitore nel 2018 - Foto GenovaToday

Hanno vinto i sindaci. La Milano-Sanremo edizione 2020 non passerà alla storia solo per la data inedita, sabato 8 agosto, fissata dopo lo slittamento a causa dell'emergenza coronavirus, ma anche per il percorso. La presa di posizione di 13 primi cittadini del savonese - che non hanno voluto chiudere al traffico l'Aurelia - è arrivata fino in fondo e la corsa non transiterà dalla provincia di Savona e da quella di Genova.

A pesare sono stati gli ormai cronici problemi alla viabilità ligure e il cluster di covid, che hanno spinto gli amministratori a chiedere 600 steward per assicurare il distanziamento sociale durante il passaggio della Classica di ciclismo. L'organizzazione della corsa, Rcs Sport, ha deciso così di modificare il percorso.

Dalla nuova Milano-Sanremo sparisce quasi del tutto la Liguria e il grande assente, inevitabilmente, sarà il Turchino. Il ritrovo, come da tradizione, sarà al Castello Sforzesco, mentre la partenza ufficiale sarà a Corsico. Quindi i ciclisti correranno verso Alessandria, Asti, Alba e il colle di Nava, con il Piemonte che in sostanza prenderà il posto della Liguria. Poi il torpedone si snoderà verso Imperia e soltanto da lì si riprenderà il tracciato originario, con la Cipressa a 22 km dall’arrivo e il trampolino del Poggio a 10 km dal traguardo in via Roma. Il nuovo percorso conterà 299 km contro i 291 stabili inizialmente. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Ci dispiace che la Milano-Sanremo debba cambiare tracciato. Questa è l’ennesima conseguenza che dobbiamo subire a causa del piano folle sulle nostre autostrade voluto dal Ministero - le parole di Giovanni Toti, presidente della regione -. Capisco le perplessità di alcuni sindaci all’ipotesi di dover chiudere l’8 agosto, per far passare il tracciato, un’arteria fondamentale per la nostra viabilità già profondamente provata. E mentre assistiamo all’ennesima promessa di fine lavori disattesa, andiamo avanti affinché qualcuno paghi per tutto questo. Prima o poi dovranno arrivare risposte ai liguri da un ministro che continua a fingersi sordo alle nostre richieste".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Autostrade, confermato lo sciopero domenica 9 e lunedì 10 agosto: le cose da sapere

  • Terrore in Duomo: uomo armato di coltello prende in ostaggio guardia giurata, arrestato

  • Disavventura per una famiglia di Milano, trova la casa delle ferie devastata e occupata

  • Milano, violenta rissa in strada: il video choc dei residenti che seguono tutto dalle finestre

  • Coronavirus, tamponi e mini isolamento per chi torna da Spagna, Grecia, Malta e Croazia

  • Milano, abbonamenti Atm: via ai rimborsi per le mensilità non utilizzate durante il lockdown

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MilanoToday è in caricamento