Cinisello Balsamo Via Frova, 10

Gasparini: «MuFoCo diventi museo Metropolitano e Nazionale»

La deputata del Pd: «La crisi del Museo della Fotografia di Cinisello Balsamo è l'esempio concreto che negli ultimi anni è mancata una "strategia metropolitana" capace di far fare un salto di scala all'offerta culturale»

Il MuFoCo diventerà museo Nazionale?

Buone notizie per il MuFoCo di Cinisello Balsamo con la conferma dei fondi da parte del Ministero della Cultura, ma ci sono altri nodi da sciogliere il rilancio completo del Museo della Fotografia Contemporanea.

Proprio di questo parla la deputata del Pd Daniela Gasparini: «La crisi del Museo della Fotografia di Cinisello Balsamo è l’esempio concreto che negli ultimi anni è mancata una “strategia metropolitana” capace di far fare un salto di scala all’offerta culturale della città, coinvolgendo le realtà culturali milanesi e portando la cultura milanese a competere a livello internazionale».

L’ex sindaco di Cinisello scende nel dettaglio: «Il Museo della Fotografia è nato per questa sfida, infatti fin dall’inizio il suo Comitato Scientifico è composto da importanti direttori di musei e archivi europei. Una istituzione che, per la qualità degli archivi, la professionalità dei dipendenti e la dimensione degli spazi, doveva diventare Museo Nazionale della Fotografia e occupare gran parte della Villa Ghirlanda (mentre la Biblioteca veniva programmata nel nuovo edificio deI Pertini), punto di riferimento ministeriale e territoriale per gli archivi fotografici italiani, ma anche permetteva di essere attrattivo per il pubblico come luogo di grande qualità e prestigio da usufruire».

Poi l’affondo: «Tutto questo non sta succedendo anche a causa dei vari cambi di Ministri, Assessori Regionali, Presidenti di Provincia e, in particolare, Milano capoluogo di riferimento più importante è ancora assente nel definire reti di collaborazione strategica per lo sviluppo di sistemi culturali».

E continua: «Su Repubblica e il Corriere della Sera sono usciti appelli sullo stato del Museo che è a rischio chiusura se non ci sarà un progetto di rilancio, e in questa fase di passaggio di competenze tra Provincia e Città Metropolitana il rischio è si arrivi troppo tardi a porre rimedio a una situazione difficile».

Prosegue Gasparini: «Va dato atto che il Comune di Cinisello Balsamo continua a farsi carico di questa sfida, ma da solo non è giusto né possibile che si faccia carico di un progetto di scala nazionale senza il sostegno di Ministero, Regione e Città Metropolitana».

Gasparini incalza: «Per questo ho presentato una Proposta di Legge per il riconoscimento del Museo della Fotografia e ho sollecitato la Regione Lombardia a sostenere la legge e il Museo. Vista l’urgenza di una risposta ho chiesto aiuto anche alla Presidente della Camera affinché la legge possa essere iscritta al più presto nell’ordine del giorno della Camera».

Chiude la deputata: «A lei ho donato una copia di una famosa foto di Patellani, che rappresenta il momento più alto della nostra Repubblica e che è conservata presso il Museo della Fotografia Contemporanea di Cinisello Balsamo».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gasparini: «MuFoCo diventi museo Metropolitano e Nazionale»

MilanoToday è in caricamento