menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Un vetro rotto

Un vetro rotto

Va in giro la notte a spaccare le vetrate dei sindacati: "Odio i comunisti"

Un odio mortale "contro i comunisti e i sindacalisti". Cosi' una guardia giurata, di 51 anni, di Arese, con un martello ha distrutto l'altra sera le vetrate di sedi sindacali

Un odio mortale "contro i comunisti e i sindacalisti". Cosi' una guardia giurata, di 51 anni, di Arese, con un martello ha distrutto l'altra sera le vetrate di sedi sindacali e ora dovra' affrontare un processo per danneggiamento aggravato e porto abusivo di strumenti atti ad offendere.

Prima il camper degli Slai-Cobas, parcheggiato da anni con tanto di bandiere davanti alla portineria est del sito dell'ex-Alfa Romeo di Arese. Come spiegano i Carabinieri di Rho, senza nessun collegamento con le vertenze in atto, ha rotto i vetri del camper, ha staccato le bandiere e ha lasciato la sua 'firma', cioe' la fotocopia della sua tessera di un partito di centro-destra.

Poi e' andato a Pero, dove sono presenti un Caf pensionati Cisl e la locale sede Cgil. Anche qui martellate alle vetrine e 'firma' con fotocopia della tessera. I carabinieri di Rho, una volta avvisati, lo hanno rapidamente identificato e, nella sua casa, e' stato trovato in un armadio il martello utilizzato che e' stato sequestrato con la pistola detenuta legittimamente, in quanto guardia giurata. Davanti ai militari si e' giustificato cosi': odiava i sindacalisti e i comunisti.

Nel corso della mattina, l'uomo ha poi dato ulteriori segni di squilibrio in un esercizio pubblico di Arese ed e' stato quindi accompagnato presso l'ospedale di Rho dove si trova in osservazione nel reparto di psichiatria. Anche in questa occasione si e' messo ad urlare e a spintonare l'avventore di un bar perche' aveva l'aspetto di un 'comunista'.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento