Attualità

Se la baby sitter sul sito del Comune costa troppo

Il caso del portale WeMi: una cooperativa offriva baby sitting a 18 euro all'ora. Le tariffe nazionali

Repertorio

Il sito web WeMi dovrebbe essere un facilitatore, pensato dal Comune di Milano per fare incontrare domanda e offerta di servizi a domicilio in città a prezzi contenuti, visto che i partner sono cooperative o imprese sociali. L'idea, promossa con l'aiuto di Fondazione Cariplo, è quella di rendere più semplice sia l'accesso ai servizi di welfare del Comune, ma anche di trovare copperative e imprese sociali (preaccreditate) che possano effettuare servizi a domicilio per i privati. Spendendo meno, si presume.

E invece, a quanto pare, alcune tariffe sono decisamente alte: secondo il Corriere, per esempio, fino a qualche giorno fa una baby sitter costava 18 euro all'ora. In questo momento, invece, la maggior parte delle cooperative che offrono questo servizio "veleggia" sulle 12 euro all'ora ma con un tetto di 14,64 euro per una cooperativa. E una sola che invece resta sotto 10 euro all'ora. 

10 euro è tra l'altro il prezzo fissato dal vaucher del "libretto famiglia" dell'Inps, per prestazioni occasionali della durata massima di un'ora, a patto di rispettare vari parametri massimi di utilizzo annuo. Diverso è invece il costo di una babysitter nel caso di una collaborazione continuativa (con contratto, s'intende). Il costo in tal caso può anche essere superiore a 10 euro all'ora, dipende soprattutto dal curriculum della collaboratrice.

Il Comune di Milano e Fondazione Cariplo non hanno alcuna responsabilità. Come si diceva, si sono limitati a creare una piattaforma web per facilitare l'incontro e accreditano strutture su cui il cittadino può in qualche modo riporre una "fiducia preventiva" anziché affidarsi al caso. E questo è sicuramente un pregio del servizio. Ma è chiaro che, se ci si riduce a offrire servizi a prezzi superiori al mercato, lo scopo in parte si vanifica. Anche perché, come tutti sanno, il nemico principale per questo genere di prestazioni è il lavoro nero.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Se la baby sitter sul sito del Comune costa troppo

MilanoToday è in caricamento