È Starbucks mania, terzo giorno consecutivo di fila: anche domenica ore di coda e attesa

Terzo giorno consecutivo di fila fuori da Starbucks. Il bar sembra aver stregato tutti

La fila domenica pomeriggio - Foto Inst/malmostos75

Il secondo giorno come il primo. Il terzo come il secondo. È ormai esplosa la Starbucks mania a Milano, città che sembra essersi letteralmente innamorata del locale - il primo in città - che la Sirena ha aperto nel cuore del capoluogo meneghino, in piazza Cordusio

Video | La fila domenica fuori da Starbucks

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Da venerdì, giorno dell'inaugurazione ufficiale di quello che è il più grande store d'Europa, centinaia e centinaia di persone si sono messe in fila per riuscire ad entrare nel bar e assaggiare un caffè o un cappuccino, i cui prezzi hanno già sollevato tante, tantissime, polemiche

Domenica - terzo giorno di attività della roastery di Starbucks Milano - il copione si è ripetuto praticamente identico a quello di venerdì e sabato. Anzi, se possibile, la situazione è peggiorata, con la coda - iniziata di buon mattino - che ha superato anche l'incrocio con piazza Affari, andando oltre i trecento metri. Lunghissima l'attesa per un espresso o un pezzo di torta, che ha raggiunto almeno le due ore. 

Nonostante ciò, donne e uomini, giovani e meno giovani, si sono incolonnati accanto ai cordoni disposti dai gestori del bar e hanno atteso il via libera dei buttafuori, che hanno fatto entrare i clienti a scaglioni in contemporanea all'uscita di altri avventori. 

Starbucks, insomma, sembra aver fatto centro e sembra aver già conquistato Milano. Un po' meno entusiasta, invece, è apparso il ministro dell'Interno - e milanese doc - Matteo Salvini, che sabato si è lasciato andare a un laconico: "Due ore di coda per un caffè da Starbucks? Ma nemmeno se mi pagano! Non ho parole". 

In Cordusio, evidentemente, non la pensano come lui. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, Lombardia diventa zona arancione: le faq per capire cosa si può fare e cosa no

  • La Lombardia diventa zona arancione: adesso è ufficiale. Ecco da quando e cosa cambia

  • Milano, festa al parchetto con gli amici: mix di alcol e droga, ragazzina 16enne in coma

  • Covid, Milano si sveglia in zona arancione: riaprono i negozi. Galli: "Scelta politica"

  • "Ve matamos a todos", poi calci e pugni: il folle assalto della 'gang', 5 poliziotti feriti in metro

  • Vitamina D, che cosa mangiare per farne il pieno

Torna su
MilanoToday è in caricamento