Cronaca Castello / Piazzale Luigi Cadorna

Preghiere, croci e foto della Madonna: ecco la manifestazione "no aborto" (con 50 persone)

Il corteo organizzato dal "Comitato no 194". Presente anche il leader di Forza Nuova, Fiore

La processione di riparazione al gay pride

Effigi della Madonna, croci in legno, rosari e tante preghiere. Tutto per invitare - questo uno degli slogan più usati - lo "Stato meschino" a "difendere il tuo bambino". 

Sabato, circa cinquanta attivisti del "comitato no 194" si sono riuniti a Milano per esprimere, ancora una volta, tutta la loro contrarietà proprio alla legge 194, la norma che ha reso possibile l'aborto in Italia. 

I manifestanti si sono trovati in piazzale Cadorna e, dopo un momento di preghiera, hanno intonato più volte il coro "Ogni aborto è un bambino morto" prima che il leader del movimento - l'avvocato Pietro Guerini - prendesse la parola per spiegare che "abbiamo i quesiti pronti per il referendum per chiedere l'abrogazione della 194". 

Accanto al comitato sono scesi in strada anche manifestanti dell'associazione Evita Peròn - che hanno esposto lo striscione "Sangue innocente, politica colpevole" - e un centinaio di esponenti di Forza Nuova, guidati dal capo Roberto Fiore. 

"È un orgoglio partecipare a questa manifestazione pro vita - le parole di Fiore -. L'aborto è una ferita alla storia d'Italia. Non ci sono possibilità di ritornare a una patria felice e forte se non si elimina la 194. Un Paese che ammette l'aborto - l'attacco del numero uno di Forza Nuova - è destinato a morire in tempi brevi perché gli manca la voglia di vivere. Tornare a una società cristiana che rispetta la vita fin dal concepimento può essere un ritorno verso il futuro - ha concluso il neofascista -, verso la nostra missione storica di italiani di portare la civiltà nel mondo".

Scene molto simili a quelle di sabato erano già andate in scena a Milano lo scorso giugno, quando cinquanta ultracattolici avevano sfilato per la città in una processione - così l'avevano ribattezzata - "di riparazione al gay pride". In quel caso, sempre tra immagini sacre e croci, i manifestanti avevano marciato - avevano spiegato - "contro l'orgoglio omosessuale".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Preghiere, croci e foto della Madonna: ecco la manifestazione "no aborto" (con 50 persone)

MilanoToday è in caricamento