Dj Fabo, chiesta l'assoluzione per Cappato

La pm Siciliano: "Era davvero convinto di mettere fine a tutto quel dolore". L'ultima udienza

"Io rappresento lo Stato. E lo Stato è anche Marco Cappato". Così, "spogliandosi" di fatto dei panni dell'accusa, il pm Tiziana Siciliano ha chiesto l'assoluzione per Marco Cappato, il leader dei radicali a processo a Milano con l'accusa di istigazione al suicidio per la morte di Dj Fabo, il quarantenne cieco e tetraplegico dopo un incidente che lo scorso febbraio - dopo tre anni di sofferenze - è andato a morire in una clinica svizzera. 

Mercoledì, durante l'ultima udienza, la Siciliano e la sua collega Sara Arduini hanno chiesto ai giudici di scagionare Cappato perché "il fatto non sussiste" o in alternativa di trasmettere gli atti alla Corte Costituzionale per sollevare una questione di illegittimità sull’articolo 580 del codice penale che prevede, appunto, il reato di istigazione o aiuto al suicidio. 

Video | In aula video con le sofferenze di Dj Fabo

video fabo iene-2

"Marco Cappato non ha avuto alcun ruolo nella fase esecutiva del suicidio assistito di Fabiano Antoniani e non ha nemmeno rafforzato la sua volontà di morire" la teoria della Arduini, che ha sottolineato più volte come fosse "forte e granitica la volontà di Fabiano di morire", tanto che lui stesso aveva giurato di essere pronto a pagare un killer per farsi ammazzare.  

"Noi abbiamo ricostruito la drammatica storia di Fabiano - ha detto la Siciliano - che prima dell'incidente conduceva una vita meravigliosa, fatta di possibilità e poi si è ridotta a una serie di gangli di dolore, privato della possibilità di desiderare. Viene da dire - ha continuato, citando Primo Levi -  «Se questo è un uomo». Dignità è poter essere uomo, ma come può esserci dignità se non c'è la libertà di esercitarla?"

"Io mi rifiuto di essere la parte dell'accusa - ha chiarito la Siciliano prima di chiedere l'assoluzione . Io rappresento lo Stato. E lo Stato è anche Marco Cappato".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Già all'inizio dell'indagine, nata dopo che lo stesso Cappato si era auto denunciato, i pm avevano chiesto l'archiviazione della indagine ma il gip Luigi Gargiulo aveva imposto l'imputazione coatta. Mercoledì, però, è arrivata la richiesta di assoluzione da parte della stessa accusa. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, il locale che regala chupiti alle donne che mostrano il seno: esplode la polemica

  • La provocazione di Cracco in Galleria (Milano): ai suoi clienti solo mezza pizza

  • L'anziana che ha "truffato" i truffatori: così una 87enne ha fatto arrestare la "nipote" a Milano

  • Trovato morto a 47 anni Alessandro Catone, il "Porco schifo" di YouTube

  • Incidente a Milano, terribile schianto in pieno centro: gravissimo un ragazzo

  • Il maltempo fa paura: "Forti temporali in arrivo, fino a 150mm di acqua in 6 ore" (Poi la grandine)

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MilanoToday è in caricamento