Nuovo stadio a San Siro, politici divisi. Ecco le opinioni dopo la presentazione dei progetti

Bestetti (Fi) rimane convinto del "no" e persevera sul referendum. Ma Galliani (ex ad del Milan e senatore di Fi) lo "bacchetta". Dal centrosinistra pareri positivi, compresa la "verde" Milly Moratti

Nuovo stadio: gli Anelli, uno dei due progetti in lizza

Milan e Inter hanno promesso un sondaggio a tutto campo sul nuovo stadio. Sia attraverso il sito web appositamente realizzato, dove sono illustrati i due progetti in lizza (la Cattedrale di Populous e gli Anelli di Manica-Sportium-Cmr), sia attraverso una consultazione diretta presso gli abbonati, i tifosi in generale e i residenti, sia a San Siro sia in tutta la città.

Abbattere San Siro è una scelta dolorosa per tutti e che potenzialmente può anche essere lacerante: i club vogliono quindi almeno che il percorso sia, da qui in poi, il più possibile trasparente e partecipato, in modo da "unire le forze" per convincere i milanesi della bontà dell'idea. L'obiettivo è far tornare grandi in Europa (e nel mondo) i due club, e per farlo bisogna aumentare i ricavi. Soprattutto alla voce stadio: che deve diventare un luogo da vivere sette giorni su sette, tutto l'anno, sport o non sport. Via libera alle torri per uffici, ai negozi, ai ristoranti, ma anche a più posti corporate e premium in tribuna, pur lasciando (garantiscono Milan e Inter) una notevole variabilità di prezzi.

Video: i due progetti

Favorevoli e contrari al nuovo stadio

L'ultima parola spetta al Comune di Milano, proprietario del Meazza (valutato circa 70 milioni) e delle aree. Marco Bestetti, presidente del Municipio 7 (quello del quartiere San Siro, tra gli altri) ed esponente di Forza Italia, è da sempre contrario all'abbattimento e ricostruzione e preferisce la ristrutturazione del Meazza di oggi. Dopo la presentazione al Politecnico non cambia idea: «Un monologo volutamente emozionale, ma i dubbi sono rimasti». Bestetti ha già avviato la procedura per chiedere un referendum cittadino sul Meazza e c'è da supporre che non abbandonerà l'idea. Ma Adriano Galliani, senatore di Forza Italia ed ex amministratore delegato del Milan, lo "bacchetta": «Coloro che raccolgono firme contro il progetto di Milan e Inter evidentemente non sono Forza Italia Milano e non capisco come si possa essere contro».

Nel partito di Berlusconi («che sicuramente si esprimerà», promette Galliani) la posizione non è univoca. Secondo Fabrizio De Pasquale, capogruppo a Palazzo Marino, va valutata l'effettiva attrattività del nuovo quartiere commerciale, vicino a CityLife e al Portello. PIù possibilista il consigliere comunale Alessandro De Chirico, che ritiene «indispensabile capire le relazioni che ci sono tra i progetti e i quartieri limitrofi» e chiede al suo stesso partito «di ragionare da ideatori di una città moderna (quella di Porta Nuova e di CityLife pensata dalle amministrazioni Albertini e Moratti) che parta dagli 81 milioni di euro di oneri di urbanizzazione indispensabili per sanare i quartieri popolari di quella zona».

Il centrosinistra è mediamente più favorevole. In sala Milly Moratti, moglie dell'ex presidente dell'Inter e consigliera comunale del Pd, ecologista convinta. «Occorre considerare che le due società si rendono disponibili a uno sforzo finanziario: dobbiamo renderci conto di questo e accogliere la disponibilità. E poi, d'ora in avanti, comunicare e comunicare», il suo commento: consapevole che Milan e Inter devono aumentare i loro ricavi ma anche che per l'impatto, la procedura deve essere "condivisa" con la cittadinanza.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Favorevole alla demolizione di San Siro anche Stefano Parisi, candidato a sindaco di Milano per il centrodestra nel 2016 (sconfitto da Beppe Sala). «Sono per il nuovo stadio», il suo commento dopo la presentazione dei progetti: «E' una cosa necessaria, Milano se ne avvantaggerà». E se il sindaco Sala ha disertato la presentazione («preferisco commentare dopo aver ragionato»), erano presenti, per la giunta, alcuni assessori, tra cui Roberta Guaineri (sport): quest'ultima ha sottolineato che si tratta di «una grande occasione anche per il quartiere», a suo dire «molto verde ma con poca quotidianità».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si schianta in moto contro un pullman di linea: turista milanese muore sul Lago Maggiore

  • Lotto, doppia vincita record a Cassano Magnago: due quaterne da oltre 400mila euro

  • Coronavirus, la Lombardia cambia le regole: nuove norme per obbligo mascherine e mezzi pubblici

  • Meteo, temporali forti a Milano: allerta arancione della protezione civile

  • Milano, incentivi fino a 21mila euro per le partite Iva che cambiano auto: come chiederli

  • Hostess con febbre sul Ryanair Milano-Catania: paura per il covid

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MilanoToday è in caricamento