menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Sgombero di alloggio popolare

Sgombero di alloggio popolare

Rivolta contro l'occupazione abusiva dei rom, poi lo sgombero

E' successo in via Giambellino

Tensione in via Giambellino 58, giovedì pomeriggio, per l'ennesima occupazione di un alloggio popolare. Alla fine, dopo una specie di rivolta, scatta lo sgombero. Segnale positivo: gli inquilini in regola incominciano a ribellarsi, "costringendo" Aler e le forze dell'ordine a interessarsi, finalmente, dell'incredibile numero di occupazioni abusive che ha costellato, d'estate, quasi tutti i quartieri popolari di Milano.

La vicenda inizia verso le undici di mercoledì sera: l'ormai "classico" sfondamento della porta di un alloggio rimasto vuoto. Ad agire sono uomini, ma poi in casa resta una giovane rom con tre bambini. Viene avvertita la polizia: gli agenti identificano l'occupante e se ne vanno.

Nel primo pomeriggio di giovedì, un gruppo di rom arriva sotto il palazzo con un furgone. Dentro, i mobili. La gente, però, vede tutto. E si ribella. Cominciano le urla e le contro-urla, perché gli occupanti rispondono per le rime. Intanto arrivano anche i carabinieri, che si rendono conto di dovere per forza effettuare lo sgombero. Da occupazione abusiva stava diventando questione di ordine pubblico.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Zona rossa: le faq aggiornate a marzo 2021 per capire cosa si può fare

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento