Allarme attentati a Milano: ecco in città i corpi speciali dei carabinieri

Giovedì sera, come racconta “Il Corriere”, venticinque uomini del Gis e del gruppo Tuscania sono sbarcati a Milano: si tratta di militari dei corpi speciali esperti in armi, esplosivi e liberazione di ostaggi. I dettagli

Esercitazione dei corpi speciali - Foto Infophoto

La speranza è che il loro sia poco più che un tranquillo soggiorno in città. L’esigenza, al contrario, è quella di farsi trovare pronti nel minor lasso di tempo possibile, qualunque cosa accada. Il rischio, concreto più che mai, è quello di “scioccare” ulteriormente Milano, già colpita e spaventata dagli attentati di Parigi e dalle minacce dei jihadisti del gruppo islamico

Alla fine, tra i fattori in campo, ha vinto la necessità, l’esigenza. L’obbligo di difendere la città dagli attacchi, al momento - fortunatamente - soltanto ipotizzati e temuti. Giovedì sera, come racconta Cesare Giuzzi sul “Corriere della Sera”, sono sbarcati in città venticinque uomini dei reparti speciali Gis e Tuscania dei carabinieri. 

Non una semplice missione a tempo determinato, come avvenuto ad esempio durante i sei mesi di Expo, ma una misura straordinaria decisa a tavolino dal Viminale e dal comando generale dell’Arma.

Il modus operandi dei terroristi, come mostra la scia di sangue della tragica notte parigina, è cambiato: non più esplosioni o atti senza possibilità di risposta, ma sequestri, assalti e conflitti a fuoco. Per questo, il ministro dell’Interno ha deciso che Milano necessitava di una difesa maggiore. Nella malaugurata ipotesi che un gruppo di terroristi prenda “possesso” di uno stadio o di un teatro è necessario che l’intervento dei militari sia immediato. Quindi, non sarebbe consigliabile attendere l’arrivo del gruppo d’intervento speciale e degli uomini del Tuscania da Livorno, loro sede abituale. 

I venticinque militari, tutti esperti di armi, esplosivi e liberazione d’ostaggi, si trovano ora alla caserma Montebello di via Vincenzo Monti. A loro non spetterà nessun compito di indagine, né di prevenzione: Gis e Tuscania entrano in azione soltanto in situazioni di emergenza. 

“Ci troviamo in un momento di grande attenzione, tutte le forze di polizia stanno lavorando senza sosta - ha spiegato al Corriere il comandante Alfa, istruttore e tra i fondatori dei Gis -. Non bisogna cedere alla paura, ma i cittadini non abbiano timore a segnalare tutte le situazioni sospette. Meglio un falso allarme che una minaccia ignorata”. 

E in effetti di falsi allarmi a Milano se ne sono registrati tanti negli ultimi giorni: segno evidente di una città che ha alzato l’allerta e che, almeno un po’, ha paura. L’informativa dell’Fbi che subito dopo gli attentati di Parigi aveva messo in guardia da possibili azioni dei terroristi in Duomo e alla Scala ha colpito nel cuore Milano e i milanesi, che stanno segnalando alle forze dell’ordine ogni dettaglio sospetto. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Così, in soli due giorni, gli artificieri sono intervenuti due volte in piazza Duomo - evacuata e transennata - e in altri punti “sensibili” della città, come alla clinica Mangiagalli, dove era stata segnalata la presenza - naturalmente falsa - di uomo “imbottito d’esplosivo”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, il locale che regala chupiti alle donne che mostrano il seno: esplode la polemica

  • La provocazione di Cracco in Galleria (Milano): ai suoi clienti solo mezza pizza

  • L'anziana che ha "truffato" i truffatori: così una 87enne ha fatto arrestare la "nipote" a Milano

  • Trovato morto a 47 anni Alessandro Catone, il "Porco schifo" di YouTube

  • Il maltempo fa paura: "Forti temporali in arrivo, fino a 150mm di acqua in 6 ore" (Poi la grandine)

  • Milano, ecco lo store di Off-White in pieno centro: è il brand per cui tutti si mettono in fila

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MilanoToday è in caricamento