menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Buco all'Aler Milano

Buco all'Aler Milano

Aler Milano, l'allarme di Maroni: "Buco di 345 milioni"

Secondo il governatore, occorre più di un miliardo per la manutenzione degli immobili. Un piano per rientrare in pochi anni

Aler di Milano? "Serve una cura shock". Questa l'espressione usata dal governatore Roberto Maroni per illustrare la situazione di Aler Milano, l'azienda che gestisce l'edilizia residenziale pubblica (sia di proprietà del comune sia di Aler stessa). Spaventoso il livello d'indebitamento: secondo il presidente della regione, che ha parlato in aula, sarebbe di 345 milioni di euro. Tra le cifre: 243 milioni di crediti verso gli inquilini e 61 milioni di debito verso i fornitori.

Il tasso di morosità (inquilini che non pagano) si attesta al 27,5%, mentre il valore dei canoni annui è di 122 milioni. Ma a spaventare davvero è il fabbisogno necessario alla manutenzione ordinaria e straordinaria degli immobili: 1,2 miliardi di euro. Di conseguenza Maroni invita maggioranza e opposizione a "rimboccarsi le maniche e collaborare" per consentire ad Aler di "continuare a svolgere una funzione sociale a cui non vogliamo abdicare". Obiettivo: in due o tre anni mettere in sicurezza i conti dell'azienda.

"Il nostro allarmismo era giustificato", ha affermato Alessandro Alfieri (Pd) intervenendo in aula. Il Pd e il Patto Civico hanno chiesto un approfondimento sulle aziende partecipate di Aler, rimarcando che la "vocazione sociale di Aler è stata completamente dimenticata in questi ultimi anni". Pd e Patto Civico hanno anche chiesto di nuovo che venga istituita una commissione d'inchiesta, cui si è associato anche il Movimento 5 Stelle.

"Se la magistratura accerterà le responsabilità penali, qui bisogna accertare quelle politiche", ha spiegato Iolanda Nanni (M5s), "legate al fallimento di diciotto anni di politiche in cui eravate dentro tutti". E Stefano Buffagni ha chiesto a Maroni di "avere mano forte" per dare discontinuità rispetto al passato.

Per Fdi, occorre fare immediatamente uno "screening" sui 5 mila morosi di Aler Milano e "cacciare quelli che non hanno reali bisogni". Così Riccardo De Corato.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Zona gialla: le faq aggiornate e le regole per capire cosa si può fare

Attualità

È stato creato un giardino zen in pieno centro a Milano

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento