San Raffaele: rette fino a 30mila euro, ma a lezione si gela

"Studiamo medicina, ma quelli che rischiano di ammalarsi seriamente siamo noi". Si lamentano alcuni studenti costretti, in questi giorni, con sciarpa e cappotto in un'aula. Ma se la retta arriva a 30mila euro...

Studenti infreddoliti in un'aula del San Raffaele, foto scattata da una studentessa

L’università Vita-Salute San Raffaele è uno degli atenei più prestigiosi di Milano per chiunque voglia lavorare nell’ambito medico, tanto che gli studenti provengono ormai da tutt'Europa. Chirurghi, infermieri, psicologi, ostetriche: sono solo alcune delle possibilità che questo ateneo offre. Ma a quanto pare quello di far studiare i propri studenti al caldo non è una di queste.

Da più di un mese, infatti, nell’aula Ippocrate al piano terra dell’istituto il riscaldamento non funziona. Il problema è che l’inverno si fa ormai sentire: le temperature esterne sono molto basse, i cappotti con tanto di sciarpa e cappello sono ritornati, così come l’eterno rituale di sghiacciare i vetri della macchina al mattino. Allora quando si arriva alla propria università per seguire anche quattro ore di lezione nella stessa aula, non è di certo piacevole stare seduti e fermi al medesimo banco con il gelo in aula. 

Molti studenti si sono trovati costretti a dover indossare i cappotti o piumini per tenersi al caldo. La prima giustificazione data dal San Raffaele è stato il congelamento dell’antigelo: ma questo un mese fa. Il problema si sarebbe dovuta risolvere e gli studenti avrebbero dovuto essere in grado di togliersi guanti e cappelli in aula.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ma la situazione continua a rimanere la stessa, anche se le lamentele non sono di certo mancate. In un un’università dove la tassa d’iscrizione più bassa è di 2mila euro all’anno per infermieristica, per poi arrivare fino a 30mila per odontoiatria, il riscaldamento dovrebbe essere garantito. “Si gela a stare fermi per ore in un’aula non riscaldata. Alla fine saremo noi ad ammalarci”, commentano gli studenti con un’osservazione non certo priva di senso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Autostrade, confermato lo sciopero domenica 9 e lunedì 10 agosto: le cose da sapere

  • Terrore in Duomo: uomo armato di coltello prende in ostaggio guardia giurata, arrestato

  • Disavventura per una famiglia di Milano, trova la casa delle ferie devastata e occupata

  • Milano, violenta rissa in strada: il video choc dei residenti che seguono tutto dalle finestre

  • Coronavirus, tamponi e mini isolamento per chi torna da Spagna, Grecia, Malta e Croazia

  • Milano, abbonamenti Atm: via ai rimborsi per le mensilità non utilizzate durante il lockdown

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MilanoToday è in caricamento