rotate-mobile
Martedì, 18 Gennaio 2022
Cronaca Sant'Ambrogio / Piazza Sant'Ambrogio

Funerali di Jannacci: migliaia di milanesi per l'ultimo abbraccio

Sant'Ambrogio e i chiostri gremiti. Tutto il mondo dello spettacolo italiano vicino alla famiglia. Celentano non riesce ad entrare

Ha preso le mosse da una sua canzone, Roberto Davanzo, direttore della Caritas ambrosiana che ha celebrato i funerali del cantautore. "Si potrebbe andare tutti quanti al tuo funerale... cantavi anni fa caro Enzo - ha esordito Don Davanzo - ebbene ora ci siamo al tuo funerale e siamo in tanti e siamo tutti".

"Ma nella canzone precisavi il motivo, la curiosità - per vedere se la gente poi piange davvero - ha proseguito il sacerdote durante l'omelia -. E anche questo te lo possiamo garantire: la gente ti voleva bene, ti vuole bene, perché non si può non voler bene a chi con la sua arte ha dato voce a quelli che la voce non ce l'hanno, ai tanti anonimi sconfitti della storia".

Chiesa gremita. Commozione, "freddo e tristezza", nonostante il sole primaverile, e buona parte del gotha dello spettacolo italiano in silenzio, a rendere omaggio. Appena 500 chilometri più in là, poche ore fa, aveva salutato Franco Califano.  

Riuniti nel chiostro della Basilica di Sant'Ambrogio, per i funerali di Enzo Jannacci, morto l'altro giorno a 77 anni, c'erano già migliaia di persone alle 14 di lunedì 2 aprile (video).

Sull'altare della chiesa, oltre ai gonfaloni delle istituzioni (Comune, Provincia, Regione) c'è anche il gagliardetto del Milan. Fra i primi ad arrivare anche l'amico Roberto Vecchioni: "Nessuno è mai riuscito a dare la dimensione di Milano come ha fatto lui". Piccolo "siparietto" ha coinvolto il cantante Adriano Celentano, che, arrivato con la moglie Claudia Mori ha trovato la basilica troppo piena e non è riusciti a entrare: "E' giusto così. La gente gli voleva bene", ha sorriso, e poi si è allontanato. 

Funerali di Jannacci © Mesa Paniagua/MilanoToday

"Enzo era una persona che quando non c'era si faceva sentire ugualmente perché quando era presente dava un senso diverso alla serata. E' lui che mi ha fatto cambiare carriera, è lui che mi ha fatto diventare un artista". Così lo ricorda Teo Teocoli. Alle esequie presente anche il presidente della Regione Roberto Maroni, Il catautore Roberto Vecchioni (intervista), la produttrice Mara Maionchi, il conduttore Fabio Fazio, l'assessore comunale alle Politiche sociali Majorino, il comico Raul Cremona e tanti altri.  

Addio a Enzo Jannacci

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Funerali di Jannacci: migliaia di milanesi per l'ultimo abbraccio

MilanoToday è in caricamento