rotate-mobile
Lunedì, 29 Novembre 2021
Cronaca Stazione Centrale / Via Luigi Settembrini

Omicidio professore a Lodi: i due piacentini avrebbero confessato

Sarebbe stata raccolta dagli inquirenti la loro confessione. Si tratta di due piacentini 30enni, trovati con un lenzuolo insanguinato

Avrebbero confessato i due 30enni che giovedì scorso erano stati fermati mentre tentavano di disfarsi di alcuni abiti insanguinati: sarebbero loro gli assassini di Adriano Manesco, 77 anni, ex professore universitario di Estetica a Verona e di Geografia alla Statale di Milano, il cui cadavere era stato trovato a pezzi in un trolley non distante dalla stazione di Lodi.

I due si chiamano Paolo Grassi e Gianluca Civardi. 30enni, incensurati. Il primo è nato a Codogno, nel Lodigiano, ma è residente nel Piacentino; il secondo è di Fiorenzuola d'Arda. L'udienza di convalida del fermo è prevista per lunedì.

Secondo le prime ricostruzioni, l’uomo è stato ucciso e fatto a pezzi giovedì sera nella sua abitazione di via Luigi Settembrini, a Milano. I due conoscevano il professore. E' probabile che ricattassero l'uomo. 

«Ci aspettavamo di trovare un mattatoio - dicono da via Fatebenefratelli - ma nell’appartamento c’erano solo poche macchie di sangue, il che lascia supporre che gli assassini abbiano ripulito la casa dopo l’omicidio».

La confessione è stata resa agli investigatori della polizia di Piacenza. Sembra che i due 30enni frequentassero il professore da qualche tempo. Gli inquirenti stanno ora cercando di stabilire il movente all’omicidio, che potrebbe essere di natura sessuale.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Omicidio professore a Lodi: i due piacentini avrebbero confessato

MilanoToday è in caricamento