menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Immagine repertorio

Omicidio a Tavazzano, 29enne ucciso a colpi di pistola per gelosia: fermato il cugino

L'omicidio si è consumato nella mattinata di domenica 11 agosto nel lodigiano

È stato fermato a Milano, a casa della sorella, il presunto killer che avrebbe ucciso a colpi di pistola Amato di Paola (29 anni) all'alba di domenica 11 agosto a Tavazzano (Lodi). In manette una guardia giurata di 40 anni: Sebastian Ganci, originario di Cerignola ma residente a Tavazzano, cugino della vittima. Alla base dell'omicidio ci sarebbe una forte gelosia per una ragazza romena di 17 anni che Ganci frequentava da alcuni mesi.

L'omicidio sulla porta di casa

Tutto è accaduto intorno alle 6.20 in via Giuseppe Di Vittorio, al terzo piano di un'ex palazzina Aler. La vittima è stata raggiunta da tre colpi di arma da fuoco: due proiettili all'addome e uno alla fronte. E secondo gli investigatori a sparare sarebbe stato il cugino con l'arma di ordinanza.

Il presunto killer è poi saltato in macchina insieme alla ragazza e ha imboccato l'autostrada A1. La giovane ha chiesto di lasciarla andare all'altezza di Casalpusterlengo e lui l'ha abbandonata all'autogrill di Somaglia prima di andare a casa della sorella a Milano. E sarebbe stata proprio la sorella a chiamare il 112 e chiedere l'intervento della polizia dicendo che il fratello aveva fatto "una cazzata".

Gli agenti della Questura di Milano hanno trovato Ganci all'interno dell'appartamento in stato confusionale e lo hanno fermato. Ora si trova in carcere a Milano, fortemente indiziato di omicidio.  Sul caso stanno indagando i carabinieri della compagnia di Lodi insieme alla polizia di Milano, diretti dalle procure di Lodi e Milano.

La rivalità tra cugini e l'omicidio

Di Paola era a Tavazzano da pochi giorni: era arrivato dalla Puglia per passare qualche giorno con il cugino. E in questi giorni potrebbe essere scattato qualcosa tra lui e la 17enne che Ganci frequentava da alcuni mesi, innescando la furibonda reazione. La giovane è stata ascoltata dai detective come testimone diretta della tragedia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    L'imprenditore milanese che inventa il "buco" per bere dalla mascherina

  • Cultura

    I teatri che a Milano lottano e non vogliono morire

  • Coronavirus

    Come si curano oggi i tossicodipendenti a Milano

Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento