Venerdì, 18 Giugno 2021
Cronaca

Lavora in nero e denuncia il capo: lui lo aggredisce in tribunale

Un operaio egiziano cita in giudizio l'ex datore di lavoro: l'imprenditore in aula lo minaccia. Rissa scongiurata, la Cgil s'indigna

Un operaio di orgine egiziana è stato aggredito dal suo ex datore di lavoro, un imprenditore edile, dopo averlo citato in giudizio: l'operaio, dopo aver lavorato in nero, non era stato nemmeno pagato. Proprio durante l'udienza davanti al giudice, Habib - questo il nome dell'egiziano - è stato minacciato dall'impresario e soltanto le forze dell'ordine sono riuscite a scongiurare la rissa in tribunale.

A spiegare l'accaduto è la Cigl, che denuncia in un comunicato tutto l'accaduto: "La Camera del Lavoro di Milano - si legge - condanna simili episodi di intolleranza verso chi ha il coraggio di denunciare e affrontare in giudizio i propri sfruttatori, che non cessano i loro comportamenti vessatori neppure nelle sedi istituzionali e nelle aule di giustizia".

Il sindacato esprime la propria solidarietà al lavoratore sfruttato e aggredito: "La nostra solidarietà va ad Habib e allo studio legale che lo sta assistendo in giudizio - conclude la Cgil - perché si possa andare fino in fondo in sede civile, e siano accertate le ulteriori responsabilità penali del datore di lavoro".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lavora in nero e denuncia il capo: lui lo aggredisce in tribunale

MilanoToday è in caricamento