menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Un altro pedofilo che agiva su internet

Un altro pedofilo che agiva su internet

Adesca ragazzina su Facebook e passa la notte con lei: arrestato

Un egiziano di 26 anni è stato arrestato dai carabinieri: aveva contattato sul social network la ragazzina convincendola a trascorrere la notte insieme in albergo

Un egiziano di 26 anni, S.M., ha adescato su Facebook una ragazzina di 13 convincendola a seguirlo in albergo per una notte: ora è stato arrestato per atti sessuali con minore di 14 anni e sottrazione della ragazzina alla potestà dei genitori.

I genitori si sono accorti della scomparsa della figlia nella notte tra il 29 e il 30 maggio 2013 e si sono rivolti immediatamente ai carabinieri che hanno fatto partire le indagini, con le intercettazioni telefoniche per ricostruire i contatti tra l'uomo e la vittima, fino all'ordinanza di custodia cautelare in carcere. Secondo gli investigatori l'uomo, senza fissa dimora e irregolare in Italia, ha quattro "alias" diversi su Facebook. Per lunedì è previsto l'interrogatorio davanti al gip.

E non è finita. Secondo l'ordinanza del gip Simone Luerti, infatti, sono in corso accertamenti "sul ruolo" di una amica della 13enne, di "due amiche di quest'ultima (di anni 11 e 12 e di due amici di S. (l'egiziano arrestato, n.d.r.), tutti da identificare, presenti ai fatti e coinvolti in atti sessuali nel medesimo albergo". Si profila quindi il coinvolgimento di altre persone - amici dell'egiziano - ma anche di altre ragazzine. Si è anche saputo che S. si sentiva con la 13enne al telefono fino a luglio.

Da ultimo, all'uomo era stato intimato di lasciare l'Italia entro 7 giorni il 10 marzo 2013. E non era il primo provvedimento di espulsione: un altro l'aveva copito circa tre anni fa.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    L'imprenditore milanese che inventa il "buco" per bere dalla mascherina

  • Cultura

    I teatri che a Milano lottano e non vogliono morire

  • Coronavirus

    Come si curano oggi i tossicodipendenti a Milano

Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento