menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il liceo Tenca

Il liceo Tenca

Prof. aggredito da studente e poi sospeso: gli viene data ragione

L'episodio a dicembre, ora è stato reintegrato

Sarà risarcito il professore sospeso dopo essere stato pesantemente insultato e aggredito da un suo studente, al liceo Tenca di Milano. L'episodio risale al 17 dicembre, quando il ragazzo, ripreso dal docente perché stava disturbando la lezione, anziché uscire (com'era stato invitato a fare), reagisce male: "Chi sei per dirmi cosa devo fare?", si rivolge al professore, Mario Caruselli, docente di sociologia e filosofia. Caruselli lo prende per la maglietta - riferisce al Corriere - e cerca di farlo uscire. Risposta: "Sei un vecchietto sennò ti avrei già ammazzato". Replica del docente: "Stronzetto, devi andare dal preside". Ora, sempre al Corriere, Caruselli ammette che "si poteva fare di meglio", ma in quei momenti una cosa è certa: occorre mostrarsi tutto tranne che impauriti. Altrimenti il rapporto docente-studente non è più tale.

Quella frase del docente, però, scatena la violenta reazione del giovanissimo, che ha 15 anni. In corridoio, davanti a molte persone che osservano e a qualcuno che lo trattiene, si lancia contro Caruselli e gli mette le mani al collo: "Ti ammazzo". E poi: "Mio padre ti squarta".

Il preside non può far finta di nulla. Ma quello che penseremmo tutti, non lo fa: sospende invece il professore. L'ufficio scolastico apre un'istruttoria e archivia - è la notizia di questi giorni - il procedimento disciplinare. Sospensione revocata, il professore può tornare in classe. La reazione dello studente (le mani al collo) certificata come "esagerata". Quella del docente, "non lesivo bensì volto a contrastare l'atteggiamento di aggressività". Quella del preside, sbagliata: "Non si devono allontanare le due parti ma mettere in atto un dialogo condiviso". Nel frattempo, la scuola aveva sanzionato anche lo studente con otto giorni di sospensione.

Tutti sono tornati in classe, dunque. E, a quanto pare, gli animi sono ora tranquilli. Per fortuna.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento