rotate-mobile
Domenica, 5 Dicembre 2021
Cronaca Porta Venezia / Corso Buenos Aires

Prostituzione, sgominata banda di stranieri che sfruttava minori

Era stata adescata l’anno scorso a Siviglia e poi costretta a prostituirsi da un gruppo di 4 romeni ed albanesi. Scappata dalla sorella, la ragazza 15enne si è accorta ieri che la banda la pedinava. Arrestati, sono accusati sfruttamento della prostituzione minorile e sequestro di persona

Una banda di albanesi e romeni, tre ragazzi e una ragazza di circa 20 anni, sono stati fermati e accusati di sfruttamento della prostituzione minorile e sequestro di persona.

Il gruppo avrebbe tentato di ri-sequestrare una ragazzina loro connazionale 15enne che era scappata, dopo che per mesi l’avevano costretta a prostituirsi a Milano.

La ragazzina era stata adescata l’anno scorso a Siviglia: con la promessa di un lavoro regolare e di uno stupendio era stata portata nelle Marche. Lì, dopo mesi in cui è stata costretta a prostituirsi, la ragazza è scappata ed è venuta dalla sorella, che vive in città.

Ieri, però, mentre passeggiava in Corso Buenos Aires sola, la giovane si è accorta che i suoi aguzzini la pedinavano in auto e così ha avvertito la sorella che si è rivolta alla polizia locale.

I vigili sono riusciti a individuare i quattro e, dopo l'identificazione della loro auto, ad arrestarli nella notte con l'accusa a vario titolo di tentato sequestro di persona e di sfruttamento della prostituzione.

La ragazza, ora in una struttura protetta del Comune, ha raccontato di mesi di angherie e violenze per costringerla a vendere il suo corpo. “Questo è il volto della prostituzione, puro schiavismo. E ancora una volta ci troviamo di fronte a una banda dell'Est che schiavizza proprie connazionali” ha dichiarato De Corato.
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Prostituzione, sgominata banda di stranieri che sfruttava minori

MilanoToday è in caricamento