rotate-mobile
Cronaca Porta Venezia / Corso Venezia

I ragazzi accerchiati e pestati dai rapinatori in pieno centro a Milano

Aggrediti due uomini, che però hanno poi fatto finire in manette i rapinatori

Incastrati dalle loro stesse vittime. Tre uomini - due cittadini senegalesi di 20 e 22 anni e un marocchino anche lui 22enne - sono stati arrestati all'alba di mercoledì a Milano con l'accusa di rapina aggravata in concorso dopo aver derubato, e pestato, un 30enne australiano e un 33enne dell'Ecuador.

Il blitz dei banditi - i tre più un quarto, riuscito a fuggire - è scattato verso le 4 in corso Venezia. Il primo a finire nel loro mirino è stato l'australiano, che è stato accerchiato, colpito col calci e pugni e scippato del portafogli. Quando il 30enne ha cercato di reagire, è stato minacciato con una bottiglia di vetro rotta e derubato di un orologio Tudor da 3mila euro, mentre il suo amico è stato buttato con violenza a terra mentre provava a intervenire in suo aiuto.

Dopo il pestaggio, i quattro sono fuggiti con il bottino mentre le due vittime hanno raggiunto la Questura per chiedere aiuto. A quel punto, il 30enne e il 33enne sono saliti su una Volante e hanno accompagnato gli agenti in un giro di perlustrazione in zona, nella speranza di incrociare nuovamente i rapinatori. Cosa che è effettivamente accaduta perché i quattro sono stati trovati nella vicina via Palestro, a due passi dal luogo del "colpo".

Mentre uno dei quattro è scappato, i tre sono stati fermati e dichiarati in arresto. I poliziotti sono riusciti anche a recuperare il bottino, che è stato restituito al 30enne.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I ragazzi accerchiati e pestati dai rapinatori in pieno centro a Milano

MilanoToday è in caricamento