Cronaca Baranzate

"Ci è esploso frigorifero in casa": coppia di fidanzati chiede risarcimento a colosso dell'elettronica

L'incendio che ha distrutto la casa della coppia è partito dal frigorifero dell'azienda sudcoreana

Avevano pianificato il loro matrimonio fino all'ultimo dettaglio. Poi un incendio partito dalla cucina della loro abitazione ha distrutto tutto. Era il 23 gennaio 2014 e la scorsa settimana l'avvocato dei due giovani — una coppia di Baranzate — ha fatto partire una richiesta danni per quello che secondo il tribunale è stata la causa scatenante: un frigorifero Samsung. Ne dà notizia Repubblica.

In tribunale il colosso coreano, da mesi sotto accusa per l'esplosione dei Galaxy Note 7, ha respinto ogni responsabilità. Non è dello stesso avviso il perito incaricato dal giudice della decima sezione Maura Barberis che sulla sua relazione ha messo nero su bianco: «L'origine dell'incendio è da individuare sicuramente all'interno del frigorifero Samsung». Secondo l'ingegnere specializzato in prevenzioni incendi «la presenza di componenti facilmente combustibili e le sostanze organiche dei cibi hanno alimentato le fiamme». Più nello specifico il rogo sarebbe iniziato dal termostato del compressore che ha danneggiato le tubazioni del gas refrigerante. 

I danni? Sempre secondo i periti variano tra i 91mila e i 127mila euro. Fino a oggi i legali del colosso coreano non hanno riconosciuto alcun danno, per questo nei giorni scorsi l'avvocato della coppia di Baranzate ha avviato una richiesta di risarcimento. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Ci è esploso frigorifero in casa": coppia di fidanzati chiede risarcimento a colosso dell'elettronica

MilanoToday è in caricamento