Mercoledì, 20 Ottobre 2021
Cronaca

Scontri tra tifosi per Inter Napoli e razzismo, la Fifa: "Vanno cambiate le leggi e applicate"

"I dirigenti sportivi abbassino i toni, perché certa aggressività che poi sfocia in razzismo o violenza"

"E' inconcepibile che ancora si possa morire per una partita di calcio. Leggi dure, andare a cercare i violenti uno per uno, e metterli dentro. Come fece la Thatcher in Inghilterra": il presidente della Fifa Gianni Infantino ribadisce la necessità del pugno duro contro la violenza commentando la morte dell'ultrà fuori San Siro prima di Inter - Napoli.

"Vanno cambiate le leggi, soprattutto vanno applicate - ha detto a Skysport - Basta guardare i paesi che hanno avuto situazioni ben più gravi dell'Italia. I violenti non sono tanti, vanno presi e messi fuori dal calcio. Così si rompe il ciclo vizioso".

Infantino sugli insulti razzisti

"I dirigenti sportivi abbassino i toni, perché certa aggressività che poi sfocia in razzismo o violenza a volte è anche dovuta a toni non sempre adatti di alcuni dirigenti. Servono atti concreti per fermare la violenza e il razzismo negli stadi".

Ha proseguito Infantino, da Dubai, dove si trova per il Globe Soccer, parlando a Skysport. Ha detto di aver provato "tristezza e sdegno" per gli insulti razzisti rivolti da una parte dei tifosi interisti al giocatore del Napoli nell'ultima partita di campionato, il 26 dicembre scorso.


 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scontri tra tifosi per Inter Napoli e razzismo, la Fifa: "Vanno cambiate le leggi e applicate"

MilanoToday è in caricamento