menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Alcuni arrestati

Alcuni arrestati

Spacciavano e riciclavano il denaro: più di 20 arresti, giro milionario

I dettagli delle indagini che hanno portato a sgominare la banda che spacciava a Pero e riciclava il denaro in Marocco servendosi di due "bazar"

Era soprattutto cocaina la sostanza spacciata dalla banda in piazza Cinque Giornate a Pero, sgominata dopo una lunga indagine (operazione "Piazza Bianca") dei carabinieri della locale tenenza. Sono state arrestate 18 persone in flagranza di reato e sequestrati 16 chili di droga. Risalgono a maggio 2013 gli arresti di M.B., R.E.J. e A.M., tra i 27 e i 35 anni, che avevano con sé più di 8 chili di cocaina e quasi 90 mila euro in contanti. Si tratta dei tre arresti più eclatanti. Avevano invece 350 mila euro in contanti l'albanese E.A. e il marocchino M.E.S.

I carabinieri però hanno anche indagato per capire dove finisse il provento dell'attività di spaccio, con l'operazione "Money Cleaners", arrivando ad individuare il negozio Atlas Bazar di via Isimbardi a Milano, zona piazzale Agrippa, come centrale della raccolta del denaro. Attraverso telecamere e intercettazioni, i militari hanno scoperto una banda di persone dedite al riciclaggio di almeno un milione di euro al mese, trasferendolo in Marocco. Scoperta anche una rete di negozi del genere, sia in Italia sia all'estero (Marocco, Olanda e Belgio) per raccogliere il denaro ricavato dallo spaccio di stupefacenti.

Oltre a intercettazioni (spesso con linguaggio criptico), i militari raccolgono anche alcuni riscontri: una volta fermano una donna marocchina su un taxi, aveva 200 mila euro in contanti nascosti in un trolley. Un marocchino è bloccato a Malpensa con 100 mila euro. A quel punto i capi dell'organizzazione hanno iniziato a studiare la fuga in Marocco: per questa ragione i carabinieri sono intervenuti e hanno fermato sei persone, ritenute ai vertici dell'organizzazione. I negozi sequestrati sono due: oltre a quello di via Isimbardi anche uno, simile, a Rozzano in via Monte San Felice.

Il capo di tutta l'organizzazione è un 37enne marocchino, S.O., residente a Baranzate. A un suo complice, M.L., di 39 anni, connazionale residente a Buccinasco, sono intestati i due negozi. Insieme a loro i militari arrestano B.D., marocchina di 45 anni residente in provincia di Trento, J.M., marocchino di 26 anni residente a Milano, M.C., marocchino di 23 anni residente a Milano, G.A.E.M.A.I., egiziano di 43 anni residente a Milano.

Nel negozio di via Isimbardi sono stati trovati 100 mila euro in contanti. Nel negozio di Rozzano e in casa del capo di Baranzate è stata trovata anche la documentazione contabile del riciclaggio di denaro.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Zona arancione: le faq aggiornate a marzo 2021 per capire cosa si può fare

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento