rotate-mobile
Mercoledì, 22 Maggio 2024
Economia Bovisa

Nuove riduzioni per il primo master internazionale in Urban interior design

Un tema di grande attualità, due istituzioni formative tra le più prestigiose e un’esperienza unica, fra Milano e Madrid, per diventare i nuovi designer degli spazi urbani.

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di MilanoToday

POLI.design, Consorzio del Politecnico di Milano, ha istituito alcune nuove riduzioni per la prima edizione del Master internazionale in Urban Interior Design - Design of the Public Realm in Contemporary Cities, in partenza il 29 ottobre 2013, promosso dalla Scuola del Design del Politecnico di Milano in partnership con la Escuela Politécnica Superior Universidad CEU San Pablo di Madrid.

Si tratta nello specifico di due riduzioni del 25% per tutti i candidati in possesso dei requisiti necessari per l'ammissione al master, che ne faranno richiesta entro e non oltre il 30 settembre 2013.

Innovativo sia nei contenuti sia nella formula, Il Master affronta un tema di grande attualità e versatilità - quello del design degli spazi urbani - che sta interessando le città di tutto il mondo e offre un modello didattico di alto profilo reso possibile grazie alla collaborazione tra due delle più prestigiose istituzioni universitarie europee. Interamente in lingua inglese, il percorso del Master prevede infatti una duplice esperienza formativa fra Milano e Madrid, cui si aggiunge uno stage e un workshop progettuale in preparazione al Salone del Mobile 2014, per diventare designer degli spazi urbani, con la capacità di operare in un contesto nazionale e internazionale.

In un momento di crescita urbana e demografica senza precedenti, ci troviamo ad essere contestualmente pedoni, autisti, cittadini, turisti, abitanti della città contemporanea. Spesso, tuttavia, constatiamo da più punti di osservazione come la maggior parte delle città non sia in grado di mettere a disposizione dei propri utenti dei luoghi ospitali, accoglienti, dotati di senso e destinati a molteplici funzioni e modalità d'uso. Il Master nasce proprio per rispondere all'esigenza e alla sfida di dare una forma concreta e funzionale agli spazi urbani che ospiteranno le nuove esigenze collettive, siano esse virtuali o reali, private o pubbliche.

Molti gli esempi virtuosi di Urban Design proposti negli ultimi anni. Per citare solo alcuni casi italiani: Mare Verde di Italo Rota che, nel 2005, si è posto l'obiettivo di restituire "il mare" ai cittadini palermitani, riproponendo l'antica passeggiata con un intervento al limite tra architettura e installazione urbana, paesaggistica e land art. E ancora, piazza Risorgimento a Bari, il progetto di ma0 che oltre ai necessari interventi di ripavimentazione e di illuminazione della piazza ottocentesca, propone uno spazio pubblico continuamente riconfigurabile secondo i desideri dei suoi abitanti: tutte le sedute sono infatti delle panchine rotanti incernierate a una estremità, che gli abitanti possono spostare secondo le proprie esigenze.

Basandosi sull'esperienza multidisciplinare di architetti, intellettuali, designer e professionisti dei media, il percorso didattico mira alla formazione di professionisti che uniscano ad una solida formazione in architettura e design, la capacità di analizzare i diversi contesti urbani e di comprendere e gestire tutti gli elementi che influenzano e danno forma agli spazi collettivi.

La figura professionale in uscita è quella del designer degli interni urbani, il progettista delle aree non costruite: piazze, spazi stradali, aree interstiziali, giardini urbani, terrains vague, esistenti o di nuova costruzione.

Il percorso didattico, offerto interamente in lingua inglese, prevede una fase iniziale principalmente teorica, una serie di workshop progettuali, svolti tra Madrid e Milano, un workshop progettuale che si terrà, sempre nel capoluogo lombardo, in preparazione al Salone del Mobile 2014, e uno tirocinio finale, della durata minima di 8 settimane, da svolgersi presso studi professionali, aziende, istituzioni, uffici delle amministrazioni pubbliche, selezionati sia in ambito italiano che internazionale.

Nelle lezioni e nei workshop progettuali il tema sarà affrontato secondo due angolature: una interessata a sperimentare modalità di trasformazione dello spazio pubblico anche di lunga durata, a partire dal "livello zero" della città e da come si possono costruire nuovi sistemi di relazione nella città contemporanea. . L'altra destinata a dare risposte alle nuove domande d'uso temporaneo degli spazi aperti della città, facendo ricorso a dispositivi provvisori e reversibili, capaci di definire nuove figure d'identità fondate, tuttavia, non più tanto su valori condivisi quanto su modalità multiple d'uso dei luoghi urbani.

Il Master è rivolto a candidati in possesso di titolo di laurea di primo livello in Design degli interni, Architettura, Architettura degli interni, Scenografia.

I crediti formativi assegnati sono 60.

L'avvio delle lezioni è previsto per il 29 Ottobre 2013.

La frequenza è intensiva e prevede 8 settimane di permanenza a Madrid e 10 settimane di permanenza a Milano, oltre alla fase di tirocinio conclusivo.

Per Informazioni su didattica e modalità di iscrizione, si prega di contattare L'Ufficio Coordinamento Prodotti Formativi : formazione@polidesign.net, tel. +39 02 2399 7217.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuove riduzioni per il primo master internazionale in Urban interior design

MilanoToday è in caricamento