rotate-mobile
Politica Città Studi / Via Sansovino

"Siete dei mafiosi", sfiorata rissa in consiglio di zona

Il coordinatore Sel della zona 3, presente nel pubblico, apostrofa una consigliera. Nasce un diverbio. Alla fine alcuni consiglieri convincono l'uomo ad andarsene

Giovedì sera si è quasi sfiorata la rissa a margine del consiglio di zona 3, durante una "pausa sigaretta" all'esterno dell'aula (ma presso la porta) mentre parlava una consigliera del Partito democratico. Ad ascoltare fuori dalla porta alcuni consiglieri delle opposizioni tra cui Rita Cosenza di Futuro e Libertà, ma anche persone del pubblico. Tra questi Francesco Lauria, coordinatore del circolo di zona 3 di Sinistra e Libertà.

Qualche commento sul discorso della collega, che stava citando la mafia: Cosenza si è espressa sottolineando la divagazione rispetto al tema corrente, quello dell'insediamento dei rom nel parco di via Rubattino. Risultato, ne è nato un diverbio con Lauria, che a un certo punto ha esclamato la frase "incriminata" davanti a tutti, rivolto principalmente alla consigliera di Fli: "Siete dei mafiosi".

A quel punto le acque si sono agitate e sono intervenuti diversi consiglieri anche di maggioranza per cercare di placare gli animi. Un consigliere del Pd in particolare ha convinto in modo deciso Lauria ad andarsene. Il consiglio è stato sospeso e Cosenza ha chiesto al presidente Sacristani di stigmatizzare pubblicamente l'accaduto. Richiesta caduta nel vuoto, per cui (dopo aver messo a verbale le frasi che le erano state rivolte da Lauria) ha abbandonato i lavori riservandosi di decidere se denunciare il dirigente di Sel.

Circa un'ora più tardi però Sacristani si è indirettamente espresso: quando un consigliere ha usato il termine "cafone" rivolto a un collega, il presidente l'ha richiamato dicendo che "cafone è un insulto, anche se meno grave di mafioso".

 

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Siete dei mafiosi", sfiorata rissa in consiglio di zona

MilanoToday è in caricamento