Tira il freno d'emergenza e aggredisce il capotreno a bordo: "Mi stavo annoiando"

È successo lunedì sul Brescia-Milano. Protagonista un 25enne domiciliato in città

Ha tirato il freno d'emergenza bloccando il convoglio. Poi, non contento, ha aggredito il capotreno. Quindi, una volta fermato, ha dato un nome e un cognome falsi agli agenti, cercando - inutilmente - di farla franca. 

Un ragazzo di venticinque anni, un giovane nigeriano domiciliato a Milano e con precedenti per rapina, è stato denunciato lunedì scorso dalla polizia locale per interruzione di pubblico servizio, per resistenza a pubblico ufficiale, per aver fornito false generalità e per aver violato la legge sull'immigrazione. 

Il suo "spettacolo" è andato in scena verso le 14 su un treno partito da Brescia a diretto a Milano. Poco prima della stazione di Romano di Lombardia, il 25enne ha tirato il freno d'emergenza e si è poi seduto in un vagone vuoto mettendosi a fumare. Quando è arrivato il responsabile del convoglio, il giovane - senza biglietto né documenti - ha pensato bene di aggredirlo prima di essere bloccato da due pattuglie della Locale. 

Gli agenti, nonostante i suoi tentativi di dare generalità inventate, sono riusciti a identificarlo e hanno scoperto che era un rapinatore seriale da poco uscito dal carcere e destinatario di un provvedimento di espulsione, in realtà mai rispettato.

Proprio con i vigili, il ragazzo ha giustificato il suo gesto con un semplicissimo: "Mi stavo annoiando". Il 25enne è stato trasferito in un centro per il rimpatrio di Bari in attesa di essere espulso. 

Due capotreno aggrediti 

È finito in carcere, invece, un italiano di quarantatré anni accusato di aver aggredito due capotreno nel giro di pochi giorni. Il primo blitz è avvenuto il 17 gennaio su un treno Como-Milano, dove si era scagliato contro una 25enne mandandola in ospedale per poi fuggire. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nella mattinata di mercoledì 22 gennaio, intorno alle 10.30, un altro capotreno era stato colpito sempre dallo stesso 43enne nei pressi della stazione di Cadorna. L'uomo aveva tentato di scappare ma una pattuglia della Polfer di Milano Bovisa era intervenuta bloccandolo.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Milano usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollettino covid coronavirus Milano e Lombardia: nuovo record assoluto, +2.419 casi

  • Covid, la Lombardia inasprirà le regole: stop a sport amatoriale, bar chiusi alle 21

  • Covid, le regole in Lombardia dal 17 ottobre: locali chiusi alle 24, stop allo sport di contatto

  • Milano, lunedì in centro arriva il laboratorio mobile: test gratis per il coronavirus (e per l'epatite C)

  • Milano, il nuovo Dpcm contro il coronavirus: ristoranti, palestre e 'coprifuoco alle 21'

  • Milano, dramma in metropolitana: uomo si accascia e muore sulla 'gialla'. Treni fermi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MilanoToday è in caricamento