Stati inquinanti? Ecco come li multa la Comunità Europea

I recenti avvisi di garanzia in Lombardia hanno riportato alla ribalta la questione delle polveri sottili e dell’inquinamento. E’ l’Unione Europea a stabilire i limiti delle polveri sottili e a punire eventualmente i trasgressori. Ma come?

I recenti avvisi di garanzia per le autorità regionali (sindaco, presidente della provincia e della Regione) hanno riportato alla ribalta la questione dell’inquinamento e dei limiti delle polveri sottili. Secondo l’Europa, Milano e Lombardia hanno superato per diversi giorni l’anno scorso e anche quest'anno proprio questi limiti consentiti.

A stabilire i limiti delle polveri sottili, in materia di inquinamento è l’Unione Europea che è anche l’ente che si occupa di “bacchettare” i paesi che non li rispettano. La trafila è abbastanza lunga e le multe per i paesi che non rispettano i limiti consentiti, arriva solo dopo un iter lungo ed interminabile.

E’ la Commissione Europea, in base ai dati sull’inquinamento forniti dagli Stati stessi, a stabilire chi sta rispettando le regole e chi no. Una volta individuato il paese “irrispettoso”, la Commissione invia una lettera sottolineando le irregolarità. Se lo Stato, che fa parte della Comunità Europea, non risponde, il governo paneuropeo ne può mandare un'altra: il paese in questione ha due mesi per rispondere e spiegare le sue ragioni.

Se però la Commissione ritiene che le spiegazioni non siano sufficienti e le emissioni dannose continuano, si può rivolgere alla Corte di Giustizia. Come tutti i tribunali, la corte si riserva di dare il suo parere sulla controversia. Il tribunale può respingere la richiesta della Commissione o può condannare lo Stato a rispettare i limiti.

Se il tribunale però emette una sentenza contro lo stato inquinante e questa viene ignorata, allora la Commissione Europea ha la facoltà di ritornare dalla Corte di giustizia e chiamare in causa il paese irrispettoso “per non aver rispettato una sentenza”.

A questo punto tra la multa e il paese condannato ci sono altre due lettere di avvertimento da parte della Commissione: se ancora dovesse mancare una risposta adeguata, a quel punto la Commissione decide per la multa. L’entità della sanzione viene decisa caso per caso.
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Offerte di lavoro, Esselunga cerca dipendenti e assume: ecco come candidarsi

  • Autostrade, confermato lo sciopero domenica 9 e lunedì 10 agosto: le cose da sapere

  • Milano, paga 15 euro ed esce dall'Esselunga con 583 euro di spesa: "Sono sudcoreana"

  • Milano, violenta rissa in strada: il video choc dei residenti che seguono tutto dalle finestre

  • Bollettino coronavirus Milano: trovate altre 16 persone infette, risalgono i ricoveri

  • Bollettino coronavirus Milano e Lombardia: +118 contagi, +5 morti, aumentano ancora ricoveri

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MilanoToday è in caricamento