Corruzione, incarichi all'avvocato socio di Fontana: sentita anche l'ex di Salvini

Giulia Martinelli sentita in procura come testimone. Al centro della vicenda c'è Luca Marsico, ex consigliere regionale e socio di studio di Fontana

Attilio Fontana

Giulia Martinelli, ex compagna di Matteo Salvini, ora capo segreteria del presidente della Lombardia Attilio Fontana, è stata sentita come testimone in procura, giovedì, nell'ambito dell'inchiesta della direzione distrettuale antimafia milanese che ha portato agli arresti di imprenditori e politici, in particolare il consigliere comunale milanese Pietro Tatarella (candidato alle europee, che si è dimesso da Palazzo Marino) e il sottosegretario in Regione Lombardia Fabio Altitonante.

Il "filone" legato alla Martinelli è quello con al centro Luca Marisco, avvocato e socio del presidente della giunta lombarda Attilio Fontana, ex consigliere regionale di Forza Italia non rieletto nel 2018, a cui è stata poi affidata una consulenza da 8 mila euro da parte di Ferrovie Nord. 

La corruzione

Il "dominus" di tutto il sistema di corruzione scoperchiato dalle indagini è l'ex coordinatore provinciale di Forza Italia a Varese Gioacchino "Nino" Caianiello, amico di Fontana tanto da suggerirgli, subito dopo l'elezione a presidente, in quali caselle "allocare" gli assessori della giunta (e sentirsi rispondere "ho seguito il tuo consiglio" nel caso, ad esempio, di Raffaele Cattaneo non riconfermato assessore ai trasporti). 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Fontana è stato coinvolto per due episodi. In uno è parte offesa di un tentativo di corruzione non andato a buon fine: Caianiello (che non ha parole tenere per l'ex di Salvini: "E' una cacacazzi") aveva proposto al neo presidente di fargli avere alcune consulenze. Ma è anche indagato per abuso d'ufficio riguardo alla successiva nomina di Marsico nel nucleo di valutazione degli investimenti pubblici (180 euro a seduta e 11.500 euro all'anno). Un incarico a cui si poteva accedere attraverso un bando, a cui hanno partecipato una sessantina di candidati. Marsico e Fontana hanno già risposto sul punto che tutto si è svolto in maniera assolutamente regolare e imparziale. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, passante insegue un rapinatore in metro e con un pugno lo riduce in coma

  • Incidente a Milano, terribile schianto in pieno centro: gravissimo un ragazzo

  • Incidente a Milano, scontro tra monopattino e auto: cade e sfonda il parabrezza, uomo in coma

  • Orrore per una mamma di Milano, violentata e picchiata davanti ai suoi bimbi: un arresto

  • Non è affatto detto che Milano torni a essere quella di prima

  • Rapinatore bloccato con un pugno in faccia da un passeggero: fermato e liberato 24 ore dopo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MilanoToday è in caricamento