rotate-mobile
Mercoledì, 26 Gennaio 2022
Cronaca

Terrorismo in Lombardia: il pugile dell'Isis ha scelto il rito abbreviato e avrà la pena scontata

Il procedimento del presunto terrorista sarà assegnato a un giudice dell'ufficio gip di Milano

Abderrhaim Moutaharrik, il marocchino campione di thai boxe in carcere dal ventotto aprile con l'accusa di essere un affiliato dell'Isis, ha scelto il processo abbreviato.

LEGGI: "Ecco il poema del terrore del pugile"

Insieme a lui, saranno processate davanti a un gup di Milano anche altre due marocchine finite in carcere per la stessa accusa di terrorismo internazionale: la moglie, Salma Bencharrki, e Wafa Koraichi. L'altro marocchino arrestato nello stesso blitz, Abderrhmane Khachia, non ha ancora formalizzato la richiesta di abbreviato che tuttavia - stando da quanto si è appreso in ambienti giudiziari milanesi - sarà presentata nei prossimi giorni dal suo avvocato.

VIDEO: Moutaharrik, il pugile che doveva morire da martire 

video foto pugile-2

La "mossa" dei quattro presunti terroristi di puntare sull'immediato - rito alternativo che prevede lo sconto di un terzo della pena - è arrivata dopo la decisione del gip di Milano di disporre per loro il processo immediato, mandandoli direttamente a dibattimento senza passare dal "filtro" dell'udienza preliminare.

In questo caso il processo si sarebbe tenuto davanti alla Corte d'Assise di Como, Tribunale competente a livello territoriale dal momento che era Lecco il centro operativo della presunta cellula lombarda dell'Isis. Ma Lecco fa parte del distretto giudiziario di Milano e perciò, alla luce della decisione degli imputati di scegliere l'abbreviato, il procedimento sarà assegnato a un giudice dell'ufficio gip del capoluogo lombardo.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Terrorismo in Lombardia: il pugile dell'Isis ha scelto il rito abbreviato e avrà la pena scontata

MilanoToday è in caricamento